Sharaz-de

Sergio Toppi, 1979 - 1981



Da una trasposizione de Le mille e una notte, nasce questa serie di storie a fumetti che stravolge totalmente il modo in cui tutt'ora concepiamo questo genere letterario.

Inizialmente le storie furono pubblicate sulla rivista Alter alter e sono state poi raccolte da Milano Libri Edizioni nel1984 per poi arrivare in edicola nel 2009 nella serie "I maestri del fumetto".


L'autore, Sergio Toppi, è riuscito a creare uno stile grafico e narrativo del tutto originale e immediatamente riconoscibile: le tavole sono caratterizzate infatti da una grande libertà compositiva rompendo tutti gli schemi di narrazione in vignette fumettistiche per non parlare del suo segno grafico "graffiato", capace di trasportarti nell'atmosfera magica ed esotica delle storie.


Sharaz-de è l'opera in cui si concretizzano gli studi fatti negli anni '70 per poter trasportare l'effetto epico e mitico nel fumetto a partire dalla gestione della narrazione che non è scandita da dialoghi o da botta e risposta, bensì da una voce femminile narrante in grado di coinvolgere con lunghi monologhi. Il risultato è una narrazione teatrale perfettamente trasposta tra le pagine di un fumetto.

Autore: Sergio Toppi

Questo effetto è inserito perfettamente, se non addirittura accentuato dalla regia. Le vignette sono ridotte al minino esistenziale e ogni tavola potrebbe essere vista come un'opera d'arte a se stante.


Ultimo tassello è il ritmo: fluido, rapido e con pochi dettagli ( per quelli l'immagine di Toppi è più che sufficiente a stimolare l'immaginazione) arriva subito alla conclusione lasciando però la sensazione nel lettore che c'è ancora molto da scoprire, portandolo alla rilettura della storia.


Non è forse questo, quello che tiene in vita di notte in notte la nostra narratrice?


Non sono forse le storie fantastiche e leggendarie che racconta e che coinvolgono il Re al tal punto da rimandare l'esecuzione della giovane? Ebbene, anche il lettore ne sarà travolto!


Storia dopo storia, le immagini scorrono e chi legge non potrà che volerne ancora una.


...la Luna sta tramontando e già ai margini del tuo regno i predoni nomadi montano a cavallo, felici del nuovo giorno che a loro porterà ricco bottino e a me la morte; e tante storie dei tempi andate non potranno così giungere alle tue orecchie...